Aspetto sempre con una certa trepidazione i weekend dedicati agli open days delle concessionarie. Basta con le solite domeniche passate nei centri commerciali e nei negozi, alle lunghe passeggiate ai laghi o più semplicemente agli infiniti pranzi a casa con i parenti! Per me le concessionarie sono un po’ come un parco giochi, dove ogni settimana arrivano nuove attrazioni da osservare e possibilmente, da provare.

Gennaio è stato un mese abbastanza ricco per quanto riguarda le aperture straordinarie dei vari rivenditori d’automobili sparsi in provincia, che si è chiuso con un’opportunità interessante: guidare, sotto la supervisione dei piloti dell’Audi Quattro Experience, il nuovo SUV compatto di casa Audi, la Q5, e la nuova coupé degli anelli che è stata per l’occasione presentata in versione 5 porte, l’A5 Sportback. Come non approfittarne?

Ed eccomi, di Domenica mattina, fresco come una rosa e con un sorriso a trentadue denti, nella concessionaria ufficiale Audi per Brescia e provincia. Due firme e sono pronto a salire sulla mia Q5. Non ce ne sono di scuse: plancia ed interni dal design moderno e all’avanguardia, materiali di qualità, tante piccole chicche tecnologiche (come i tasti del climatizzatore che reagiscono semplicemente allo sfioro delle dita o il sistema d’informazione digitale che incorpora tachimetro e contagiri, chiamato Virtual Cockpit) e il classico feeling teutonico che mi permette di trovare ogni tasto proprio dove lo vorrei. Il 2.0 tdi da 190 cv che equipaggia l’esemplare in prova si dimostra nel complesso sempre pronto e rotondo, con prestazioni non spiccatamente sportive ma nel complesso adeguate a muovere dignitosamente i circa 17 quintali del SUV. L’assetto si dimostra fin da subito un ottimo compromesso tra comfort e sportività, ma attendo una prova più prolungata per cogliere a fondo le doti dinamiche della vettura. Rientrato dal test drive su strada, affronto una divertente quanto curiosa prova su una rampa asimmetrica chiamata Twist, che mi permette di testare le doti d’intervento del nuovo sistema intelligente di trazione che equipaggia la Q5, chiamato Audi Quattro Ultra.

Sulla nuova A5 Sportback mi trovo invece a confrontarmi per la prima volta con due dispositivi d’assistenza alla guida: l’ACC e l’Active Lane Assist. Il primo, un normale cruise control che permette però il mantenimento automatico della distanza dal veicolo che ci precede (accelerando e frenando autonomamente!); il secondo, che integrandosi col cruise adattivo mi permette di evitare che la vettura subisca uno spostamento laterale improvviso, superando così le linee che delimitano la carreggiata. Chiacchierando col pilota circa l’importanza e la comodità di questi dispositivi sulle lunghe percorrenze o più semplicemente nei tratti autostradali, inizio a capire che è tempo di rientrare in concessionaria per ripristinare i miei livelli di concentrazione mentale, magari mangiando un waffle caldo e bevendo un caffè presso l’area ristoro a disposizione di tutti i visitatori della struttura. Not bad my friends, not bad!

Questi open days devono essere occasione di ritrovo e approfondimento nel settore per chi ha intenzione di acquistare un’auto o semplicemente per tutti gli appassionati. Non soffermatevi sull’estetica, sulle dimensioni o sulla presenza o meno dei vari optional. Sia che voi stiate comprando un SUV, una coupé, una citycar o una sportiva, il mio invito è sempre quello: saliteci, annusate il profumo di nuovo al loro interno, stringete quel volante, pestate sull’acceleratore e fateci qualche chilometro! Saranno poi le emozioni a scegliere il resto.

Keep on Driving!